Lo studio

Grazie all'esperienza pluriennale maturata da ciascun associato, lo Studio Legale Quieti Tarricone nasce dal sodalizio di quattro avvocati, ciascuno con competenze ed ampia esperienza in ambiti specifici del diritto sostanziale e processuale.

Da anni  si avvale, inoltre, dell’ausilio di validi collaboratori interni ed esterni.

Contando sull'esperienza maturata da ciascun associato - fondatore ed alle competenze delle altre figure professionali che collaborano con lo staff, lo studio costituisce un efficace punto di riferimento per privati, imprese ed enti pubblici e/o di pubblica emanazione. Ciò, sia in campo stragiudiziale che giudiziale nell’ambito del diritto civile, di quello penale ed amministrativo.

Nel settore civile, più in particolare, l’esperienza pluriennale dei suoi componenti  garantisce un valido supporto nei seguenti settori specifici:

  • diritto delle assicurazioni;
  • sinistri, responsabilità professionale, responsabilità sanitaria;
  • diritto del lavoro, licenziamenti, sicurezza ed infortunistica;
  • diritto di famiglia, tutela dei minori e degli incapaci;
  • successioni, locazioni e condominio, diritti reali;
  • gestione dei conflitti con applicazione di valide tecniche di negoziazione.

Appropriata e mirata è dunque  anche la consulenza che lo studio offre nell’ambito stragiudiziale e nella composizione dei conflitti attraverso l'attivazione di valide e nuove tecniche relazionali applicate alla negoziazione.

Con sede principale in Bollate,  ha due sedi secondarie, ubicate rispettivamente in Rho e Cesano Maderno, tutte in luoghi centrali e strategici dell’economia e del commercio locali.

L’Associazione Professionale garantisce da anni anche un servizio di domiciliazione avanti i Tribunali di Milano e di Monza per i colleghi di tutta Italia.

News Giuridiche

ago19

19/08/2022

La giustizia penale rallenta per carenza di organico

Dure le proteste dell’avvocatura romana

ago19

19/08/2022

Violenza sessuale di gruppo: non è necessaria la partecipazione simultanea

Ai fini dell’integrazione del reato è sufficiente